develop your own website

 

 

 



Mobirise

News

 

Roma, 8 maggio 2019 
Seconda edizione del G20s  “Il summit delle spiagge italiane”

Mobirise

Sostenibilità, innovazione e progettazione strategica i temi in discussione nell’edizione 2019 e sottoscritti nel Protocollo d’Intesa. 

Roma, 8 maggio 2019. Oggi a Palazzo Madama – sede del Senato – in sala Nassirya è stata presentata la seconda edizione del G20s “Il summit delle spiagge italiane” che si terrà dal 18 al 20 settembre 2019 a Castiglione della Pescaia (Grosseto).

Il tavolo permanente del G20s ha deciso di far diventare il Summit un appuntamento annuale e itinerante (la prima edizione si è tenuta nel 2018 a Bibione), prospettandosi come un momento d’incontro imprescindibile per i soggetti – pubblici e privati – che abbiano a cuore lo sviluppo strategico del turismo balneare italiano.

“L’Amministrazione comunale di Castiglione della Pescaia, ente organizzatore della seconda edizione del G20s è orgogliosa di ospitare questo importante evento che, oltre ad affrontare le tematiche comuni di queste località, sarà un buon biglietto da visita per il nostro territorio – sottolinea il Sindaco di Castiglione della Pescaia Giancarlo Farnetani – Dal 18 al 20 settembre ci confronteremo su argomenti legati alla gestione delle spiagge, alla fiscalità comunale e alla promozione, allo sviluppo del turismo sostenibile e accessibile. Con la sottoscrizione del protocollo d’intesa fra i comuni aderenti continuiamo il nostro lavoro iniziato nel 2018, l’anno zero del G20s, quando abbiamo gettato le basi per portare avanti un coordinamento permanente tra le venti località e vogliamo proseguire coinvolgendo nello sviluppo di questi territori la politica ai vari livelli. Castiglione della Pescaia accoglierà i sindaci, gli amministratori dei comuni che compongono il G20s, assieme ai rappresentanti delle varie associazioni di categoria che riescono ad attirare più di 70 milioni di turisti durante l’anno”.

Sulle stesse posizioni, l’Assessore al Turismo della Regione Toscana Stefano Ciuoffo afferma “La Toscana accoglie con favore questa seconda edizione del G20s delle spiagge che porterà a Castiglione della Pescaia importanti operatori del settore e metterà in risalto questa parte della nostra costa di altissimo pregio. Il turismo balneare è per noi molto importante ma abbiamo ancora potenzialità inespresse che manifestazioni come questa senz’altro aiuteranno a dispiegare”

Le 20 più importanti destinazioni balneari della penisola più altre 6 coinvolte quest’anno, e che partecipano al G20s, sono state selezionate in base alle presenze registrate nel 2017 e daranno vita ad un vero e proprio summit, il primo di questo genere. Tre giorni di incontri, workshop, seminari durante i quali amministratori pubblici, tecnici del turismo, studiosi e decision maker si confronteranno per pianificare le strategie di sviluppo del settore, individuare possibili sinergie e scambiarsi buone pratiche. Un confronto che avrà come punti di riferimento tre pilastri fondamentali: sostenibilità, innovazione e progettazione strategica e quattro temi cardine – Ambiente, Sicurezza, Fiscalità e Promozione e che oggi vengono ribaditi e sottoscritti da tutti i Sindaci coinvolti nel Protocollo di Intesa.

“Il G20s delle spiagge è un movimento che è partito dal basso e che ha fatto proprie le problematiche delle spiagge italiane. – dichiara Pasqualino Codognotto, Sindaco del Comune di San Michele al Tagliamento – Attraverso il protocollo d’intesa abbiamo voluto contestualizzare tutte le attività per farlo diventare uno strumento di collaborazione con le varie istituzioni ed enti portando un valore aggiunto all’intero sistema. L’appuntamento di settembre sarà un momento di condivisione e confronto per portare a sistema le azioni definite dal protocollo.”

Il tema della sostenibilità ambientale rispetto allo sviluppo del turismo in Europa sarà cruciale nei prossimi anni: dalle emissioni inquinanti associabili al trasporto alle problematiche relative ai rifiuti, dall’uso intensivo di risorse naturali all’utilizzo di prodotti a rilevante impatto ambientale, dal disboscamento alle problematiche sulla biodiversità che si ripercuotono direttamente e indirettamente anche sulle nostre spiagge.

Sul fronte del tema della Sicurezza si vogliono offrire spiagge curate, accoglienti, ben attrezzate, ma soprattutto sicure. Sicurezza sulla costa, lotta ai fenomeni dell’abusivismo commerciale e dell’illegalità e gestione del pronto soccorso in spiaggia, tutti temi da affrontare con urgenza.

L’altro grande capitolo è quello della Fiscalità. I vincoli dettati dall'esigenza di consolidamento dei conti pubblici, che nel corso della scorsa legislatura hanno richiesto un rafforzamento delle misure di coordinamento della finanza pubblica e di controllo delle decisioni di entrata e di spesa degli enti locali, hanno reso precario e incerto il quadro normativo della finanza locale rispetto a quanto prefigurato dalla legge delega n. 42 del 2009 sul federalismo fiscale; ciò in particolare per quanto concerne la fiscalità municipale, per la quale le frequenti modifiche della tassazione immobiliare hanno comportato una instabilità del sistema di finanziamento delle funzioni nonché dell'avvio delle perequazione fiscale delle risorse.

Obiettivo quindi è quello di coinvolgere le associazioni e le istituzioni per una profonda riforma del federalismo fiscale all’interno dei confronti aperti per l’autonomia regionale e rivedere i criteri perequativi in sede di conferenza, Stato, Città ed autonomie locali.

La promozione, ultimo grande tema. Il balenare in Italia, definito dal PST 2017-2022 come un prodotto maturo, si trova oggi a fronteggiare tali forme di competizione a cui non era preparato anche a causa delle “rendite di posizione” acquisite nel tempo, ma oggi non più sufficienti ad affrontare il mercato. Le spiagge dovranno quindi sapere rispondere ad una domanda sempre più preparata, smaliziata e turisticamente “infedele” e di conseguenza più esigente e segmentata, che richiede proposte sempre più personalizzate, innovative e di qualità.

Su questo tema si è espresso Federico Caner Assessore al Turismo Regione del Veneto (Regione che ha ospitato la prima edizione): “Non c’è crescita senza confronto. In un sistema altamente competitivo come quello del balneare, in particolar modo ora che si sono rimesse in moto importanti destinazioni del bacino mediterraneo come Egitto, Grecia, Turchia, è fondamentale operare in modo strategico e unitario, per mantenere quel primato che fa delle coste italiane una meta conosciuta in tutto il mondo. E il network del G20s è nato non a caso in Veneto, prima regione turistica italiana, proprio con lo scopo di essere strumento di confronto ed analisi per le prospettive di sviluppo futuro delle nostre coste, ma anche come spazio di riflessione e scambio di best practice tra località al top di un settore che, non dimentichiamolo mai, contribuisce in modo rilevante al PIL del Paese.”

Toscana Promozione Turistica è al fianco del Sindaco di Castiglione e di tutta la Costa toscana nell’ospitare il G20 delle Spiagge - conclude Francesco Palumbo, Toscana Promozione - perché riteniamo fondamentale il tema della sostenibilità per la riqualificazione dell’offerta turistica balneare che rappresenta per la Toscana la seconda importante motivazione di visita. in primis la si tratta di una scelta ineludibile sia per la cittadinanza dei comuni che per le risorse del territorio che vanno preservate anche per il futuro, come il dibattito internazionale di questo periodo rende evidente a tutti. In secondo luogo la sostenibilità delle destinazioni turistiche diventa un elemento fondamentale per la riqualificazione anche in termini di competitività delle imprese, cosa che hanno già compreso da tempo le grandi catene alberghiere internazionali come Hilton e altri, ma che diventa sempre più elemento di consapevolezza anche per i medi e piccoli imprenditori della ricettività che operano sui territori. La sostenibilità infine in questo momento rappresenta un incredibile brand distintivo molto forte soprattutto sui mercati internazionali per intercettare le nuove tendenze della domanda turistica come hanno compreso interi paesi nostri competitor che della sostenibilità fanno un potente elemento delle proprie campagne di promozione.

3 Maggio 2019 
Nuovo Rank delle 20 spiagge più visitate


03 maggio 2019 
Consegna bandiere blu a Roma

19 Aprile 2019 
G20s ha partecipato alla presentazione del marchio Ecospiagge per tutti.

5 dicembre 2018
Dopo il primo summit di Bibione il G20s si riunisce il 5 dicembre 2018 a Riccione
 (RN)

All’ordine del giorno le azioni concrete e i primi progetti che dovranno essere intrapresi dal gruppo di lavoro, ovvero: fiscalità locale, ambiente e demanio, promozione, sicurezza e abusivismo, direttiva Bolkestein. La firma è prevista entro la fine di gennaio!
Una giornata di lavoro concreta che prosegue, anche formalmente con la firma di un protocollo d’intesa, gli impegni presi dalle prime venti spiagge italiane nel corso del primo G20s, il summit tenutosi lo scorso settembre a Bibione (Venezia) con l’obiettivo di portare un nuovo modello di governance e di crescita economica sostenibile per i litorali italiani.
L’incontro, ospitato al Palazzo del Turismo di Riccione, è stato aperto dal primo cittadino della località Renata Tosi e ha coinvolto i primi cittadini provenienti dalle sette regioni che riuniscono le località balneari più performanti in termini di presenze turistiche.

All’ordine del giorno le azioni concrete e i primi progetti che dovranno essere intrapresi dal gruppo di lavoro, con una convinzione che ha trovato tutti d’accordo, ovvero la volontà di dare vita al protocollo che renda G20s un soggetto attivo, flessibile e portatore di interesse e proposte a livello locale, regionale e nazionale. La firma è prevista a Roma entro la fine di gennaio e vuole essere il primo passo per accreditare G20s verso il Ministero e le istituzioni del turismo, dell’ambiente e dell’economia.

I mesi che mancano all’edizione seconda di G20s saranno di lavoro propedeutico, fissato da incontri regolari durante i quali preparare i temi che caratterizzeranno il summit autunnale programmato a Castiglione della Pescaia. Si inizia a lavorare subito a fiscalità locale, ambiente e demanio, promozione, sicurezza e abusivismo, direttiva Bolkestein. Forte la convinzione di dover arrivare a Castiglione della Pescaia con progetti che rimettano al centro le spiagge italiane, quali portatrici di valore economico per l’Italia. 
Anche in virtù di ciò, i sindaci hanno ribadito, la necessità di mantenere un dialogo aperto con gli imprenditori balneari, che oggi vivono un particolare clima di incertezza dovuto alla mancanza di direttive chiare in materia di concessione demaniale in primis. 

G20s Riunione sindaci Riccione

3 dicembre 2018
Dopo il primo summit di Bibione il G20s si riunisce il 5 dicembre 2018 a Riccione
 (RN)

Dopo il primo summit delle località balneari italiane che si è tenuto a Bibione nel mese di settembre, i sindaci dei 20 comuni costieri con il più alto numero di presenze in Italia si riuniscono mercoledì 5 dicembre a Riccione per proseguire con il lavoro avviato e definire le prossime tappe.
Nella giornata conclusiva del primo appuntamento è stato infatti sottoscritto un documento di intenti per la costituzione di un coordinamento permanente tra le spiagge aderenti al G20s, un tavolo di lavoro al quale il Comune di Riccione ha deciso di intervenire insieme agli altri amministratori provenienti da diverse Regioni in rappresentanza delle principali località italiane per numero di turisti su scala nazionale. Riccione, che ospita domani il secondo incontro, ha partecipato da subito con un preciso intento: lavorare in squadra con altri amministratori per confrontarsi e pianificare strategie efficaci per il comparto turistico, risorsa primaria per l’economia locale. 
Al termine del primo incontro i sindaci hanno sottoscritto un documento con cui si impegnano a creare un tavolo permanente al fine di formulare proposte concrete da declinare su scala nazionale, regionale e comunale e a confrontarsi periodicamente sugli interventi e i progetti attraverso cui creare sinergie e forme di collaborazione. 
All’ordine del giorno della giornata di domani c’è quindi la discussione dell’iter da avviare a partire dal documento sottoscritto, anche in termini di confronto con il Ministero, e la definizione delle tappe che condurranno al prossimo G20s in programma a Castiglione della Pescaia nell’autunno 2019.
In rappresentanza del Comune di Riccione parteciperanno all’incontro di domani il sindaco Renata Tosi, l’assessore al turismo Stefano Caldari e l’assessore al demanio Andrea Dionigi Palazzi.

27 settembre 2018
Documento finale del Summit G20s 2018 di Bibione

Il presente documento vuole offrire una panoramica delle idee, delle motivazioni, della metodologia e delle persone che hanno caratterizzato l’anno zero del G20s, il primo summit delle spiagge più visitate in Italia. Questo report non è – né si pone l’obiettivo di essere – un documento strategico, bensì vuole presentare il percorso compiuto fin qui e porre le basi per un cammino più lungo volto alla creazione di un coordinamento permanente tra le venti località in grado di influenzare tanto le policy regionali quanto quelle nazionali.
Sfoglia online      Scarica PDF

Documento finale G20s

7 settembre 2018
Chiusura del Summit G20s

              Video del 
Convegno di chiusura del G20s del 7 settembre

Presentazione dei risultati dei tavoli di lavoro

5 settembre 2018
Apertura del Summit G20s

              Video del 
Convegno di apertura del G20s del 5 settembre

Mobirise

©Copyright 2019 Bibione Live Consorzio di Promozione Turistica via Atlante, 23/B Bibione San Michele al Tagliamento (VE) P. IVA 02842060275 Privacy Policy